Ul Di di Bruscitti-Your Website Name/Logo

Ul Di di Bruscitti


Nel 2012, il Sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli, ha recepito
una proposta avanzata dal Maestro Ernani Ferrario
rendendo Istituzioneomaggio ai Bruscitti, piatto simbolo della tradizione culinaria bustocca, istituendo "Ul Dì di Bruscitti",
cioè "Il giorno dei Bruscitti" ovvero il giorno, per la
precisione il secondo giovedì di Novembre, nel quale
ogni anno i ristoranti, le trattorie, le mense, i macellai
sono invitati a celebrare il piatto principe
della tradizione bustocca.


Va da sè che la celebrazione più importante in questa giornata è prorpio quella organizzata dal Magistero!

Dai primi 250 partecipanti alla serata organizzata per lo storico annuncio del Sindaco, ogni anno si sono aggiunti gruppi di amici, spesso "foresti"  cioè non bustocchi, smaniosi di assaggiare il piatto cucinato rigorosamente seguendo la ricetta depositata.

Più di 300 persone partecipano per diversi anni alla serata ed il numero dei delusi che non trovano posto nella location originariamente scelta (la Sala del Museo del Tessile)
risulta anno dopo anno troppo elevato per essere accettabile.

Per accontentare il palato dell’enorme numero di appassionati che non vedono l’ora di gustare il piatto
fumante accompagnato dalla polenta c'è bisogno di
trovare una soluzione!

Così, dopo ampia riflessione del Consiglio Direttivo e grazie alla costante attenzione e collaborazione dell'amministrazione comunale,
“Ul Dì di Bruscitti” nell'anno 2019  è stato celebrato in versione extralarge: l’evento del Magistero dei Bruscitti  si è trasferito dal Museo del Tessile ai grandi spazi di Malpensafiere per poter finalmente accontentare tutte le richieste.

Più di 400 posti a disposizione contro i soliti 300 e la risposta del pubblico non ha deluso: sold out anche questa volta!

«Bruscitti per tutti»

«La novità è che ci sono stati Bruscitti per tutti» ammette senza nascondere una punta di orgoglio Antonio Colombo, Maestro del Magistero dei Bruscitti di Büsti Grandi. Ogni anno, all’avvicinarsi della data della serata dedicata al piatto tipico bustocco, i Confratelli del Magistero erano costretti a dichiarare sold out e a chiudere le porte in faccia a tanti potenziali commensali. Troppo piccola ormai la sala gemella del Museo del Tessile così “Ul dì di Bruscitti” si è trasferito a MalpensaFiere.                               
                                     

«Grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale, abbiamo avuto la possibilità di accogliere molte più persone – rivela Antonio Colombo – sono stati benvenuti anche i “foresti”,  per gustare i veri e unici Bruscitti, cucinati a regola d’arte, nel pieno rispetto della ricetta originale depositata dal notaio». 

                                 Pentolone

                   Polenta e Bruscitti per tutti, grazie allo storico chef Gino Valenti

                                     PENTOLONE_BRUSCITTI

Nel menu di “Ul Dì di Bruscitti” ci sono anche polenta e “pane misto” preparato con diversi tipi di farina, oltre ad un antipasto a base di insaccati, con l’immancabile salamino di cavallo e la formaggella alla bustocca. «Tutti prodotti tipici bustocchi, acquistati nei negozi di Busto» garantisce il Maestro.

Intrattenimento, chiacchiere e poesie in bustocco

La serata del Magistero è stata allietata da chiacchiere e poesie in bustocco, come impone la tradizione.
Tra i siparietti della serata, spicca come sempre il simpatico Ginetto Grilli, che con le sue letture dialettali riporta orecchie e pensieri a tempi lontani, che è importante rimangano vicini al cuore di tutti noi.  Ecco un piccolo esempio:

 
                                 

GINETTO_GRILLI

O ti cha te sculti, in dialétu da Busti,
sti rizèti cha i sudìsfan ogni sorta da gusti,
stà ben atenti' sa disu:
"Par fà da mangià ga or non tanta scienza,
l'è sé un pò d'amui e un po' da pascienza"
                         Sti mangià, cha sa féa                                                                                                  
candu Busti l'èa intanà in dàa brughéa,
impàrai a memoria, lassa giù ul bèl da fà,
tàcasi al fogu e cumencia a lauà.
Trìa, sbati, met'a moi, cundissi,
trusa e ritrusa, cosi e rustissi,
fa 'ndà a paéta, gira ul cazu:
da roba inscì bona te 'n pruaé pu.
 Ginetto Grilli  2011



«Le tradizioni fanno bene al commercio»

 

Alle tavolate di Malpensafiere si sono sedute tante autorità, ma anche gli amici delle Confraternite “gemellate” con il Magistero. Con l’amministrazione, l’evento gode anche del sostegno del Distretto Urbano del Commercio di Busto Arsizio: «Manifestazioni come “Ul dì di Bruscitti” – fa notare Bruno Ceccuzzi, storico esponente del Magistero e presidente del DUC – portano lustro alla città e soprattutto tengono vive le nostre radici. Perché il commercio, soprattutto in questo momento storico, deve sì rinnovarsi ma deve farlo tenendo sempre presenti le tradizioni e la cultura locale»

                                                                          bruscitti_2019   

                                                                         "Mantellati" e autorità al Dì di Bruscitti di Malpensa Fiere 2019


Ul Dì di Bruscitti 2018

Ul Dì di Bruscitti 2017

Ul Dì di Bruscitti 2016